Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE EUROPA

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Area riservata
CIRCOLARI

Circolare n. 63/18

Elezioni amministrative Regionali 2018 - informativa n. 12 – rimborsi elettorali ai Comuni

19 Febbraio 2018

Circolare n. 63/18

Milano, 19 febbraio 2018
Prot. n. 802
Circolare n. 63/18
Ai Signori
Sindaci
Segretari Comunali
Responsabili Servizi elettorali
Comuni della Lombardia 
e, p.c. Organi ANCI Lombardia 

Oggetto: Elezioni amministrative Regionali 2018 -  informativa n. 12 – rimborsi elettorali ai Comuni    

Gentilissimi, 
in calce trasmettiamo il comunicato stampa del Presidente di Anci Lombardia, Virginio Brivio, sul problema dei rimborsi elettorali che già diversi giorni è stato manifestato ad Anci Nazionale per un opportuno intervento.
Rinaldo Redaelli
Vice Segretario Generale di Anci Lombardia

COMUNICATO STAMPA
Elezioni, Brivio "preoccupati che rimborsi dello Stato ai Comuni siano inferiori rispetto al Referendum trivelle"
Milano, 19 Febbraio 2018 - “Siamo contrariati e fortemente preoccupati dalla comunicazione del Ministero dell’Interno, basata sullo stanziamento presente nella legge di bilancio, che i rimborsi da parte dello Stato delle spese che i Comuni sosterranno per affrontare le elezioni del 4 marzo saranno del 20% inferiori rispetto a quelli ottenuti per il Referendum ‘sulle trivelle’ dell’aprile 2016. Se così fosse confermato, i rimborsi risulterebbero evidentemente insufficienti a coprire il costo di un doppio appuntamento elettorale". Questo il commento del Presidente di Anci Lombardia, Virginio Brivio, in merito alla possibile diminuzione del 20% dei rimborsi elettorali ai Comuni rispetto a quanto stabilito per il precedente referendum del 2016 sulle 'trivelle".
"Ricordiamo", ha continuato il Presidente dell'Anci Lombardia, "che i Comuni vanno integralmente rimborsati per le attività che svolgono per assicurare le operazioni legate alle elezioni nazionali e regionali e che rappresentano un obbligo verso il Governo e la Regione. Il ricorso all'election-day che unisce i due voti è stato giustificato proprio per economizzare sulle spese che si sarebbero sostenute nel caso di appuntamenti separati, pertanto non è possibile utilizzare i Comuni per fare ulteriori economie, quando questi ultimi stanno già sostenendo delle spese per assicurare, ad esempio, l’allestimento di doppi spazi per i tabelloni per l’affissione dei manifesti per la propaganda elettorale". 
"Chiediamo pertanto al Governo di trovare una soluzione e di differenziare anche il trattamento per i Comuni che hanno una tornata elettorale aggiuntiva. E’ necessario dare certezza ad amministratori e funzionari dei Comuni per permettere una programmazione e uno svolgimento ordinato e sicuro delle attività elettorali". Ha concluso Brivio.

ANCI Lombardia © 2018  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961