Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE EUROPA

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Area riservata
NOTIZIE

Anci Lombardia

Consiglio Direttivo: solidarietà ai lavoratori precari della Città Metropolitana

21 Dicembre 2015

Riunione a Palazzo Isimbardi occupato da un presidio

Il Consiglio Direttivo di Anci Lombardia si è riunito di questa mattina nella sala consigliare della Città Metropolitana di Milano occupata da una rappresentanza dei lavoratori precari in servizio presso l'Ente, i cui contratti scadranno il 31 dicembre 2015.
Una delegata del gruppo ha preso la parola spiegando come sia in atto una mobilitazione permanente da parte dei 42 dipendenti assunti a tempo determinato dalla ex Provincia di Milano, attuale Città Metropolitana, in servizio continuativo, a seguito di regolare concorso, da almeno 3 anni presso l'Ente e che rivestono ruoli altamente qualificati inerenti a diverse funzioni strategiche. Il loro destino di lavoratori è oggi incerto poichè l'emendamento che prevedeva la proroga dei contratti del personale assunto a tempo determinato nelle Città Metropolitane e negli Enti di Area Vasta non è stato inserito nel testo della Legge di Stabilità 2016 in fase di approvazione dal Parlamento.
L'Assemblea Anci, come ha sottolineato il Presidente Roberto Scanagatti, ritenendo che "l'assenza di questi lavoratori negli Enti interessati comporterà l'interruzione di servizi pubblici per cittadini ed imprese quali la tutela e valorizzazione ambientale, la manutenzione delle strade e la gestione del patrimonio scolastico", ha "manifestato la sua preoccupazione in merito al venir meno dei servizi ai cittadini e alle imprese in seguito all'interruzione dei rapporti di lavoro con il personale assunto a tempo determinato".
Anci Lombardia, in un ordine del giorno approvato all'unanimità dal Consiglio direttivo, ha quindi manifestato la sua solidarietà ai lavoratori e ha condiviso la loro richiesta per una soluzione definitiva della problematica, chiedendo al Governo di individuare uno strumento idoneo che consenta la stabilizzazione a garantire così lo svolgimento delle funzioni fondamentali al servizio dei cittadini e delle imprese.

ANCI Lombardia © 2018  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961