Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE EUROPA

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Area riservata
NOTIZIE

partecipazione civica

Un nuovo rapporto tra istituzione e cittadini

24 Ottobre 2016

Uno strumento di supporto ai cittadini che si prendono cura dei beni comuni

Il Presidente di Anci Lombardia, Roberto Scanagatti, Sindaco di Monza, è intervenuto al convegno “Milano città condivisa – Prendersi cura dei beni comuni per costruire comunità e liberare energie”, organizzato dal Laboratorio per la sussidiarietà (Labsus) centro ricerche sul tema del principio di sussidiarietà, e Fondazione Cariplo. “L’amministrazione condivisa dei beni comuni è un tema interessante ed entusiasmante” ha detto il Presidente Scanagatti, evidenziando come i cittadini siano pronti in molti casi a prendersi cura dei beni comuni, “come dimostra quanto successo nel nostro Comune con le Pulizie di primavera, iniziativa nata nel 2013 con la partecipazione di 1200 cittadinoi arrivati oggi a essere più di 4000. Il regolamento, che Monza ha adottato, è uno strumento utile non solo per dare un senso alla partecipazione, ma anche per ricostruire il rapporto tra istituzione e cittadino. Va sottolineato che i cittadini che si prendono cura dei beni comuni  non sono un alibi o una sostituzione dei doveri dell’amministrazione, ma, parafrasando Kennedy, rispondono al motto ‘non chiedetevi cosa possa fare il Comune per voi, ma cosa potete fare voi per il Comune’. Anci Lombardia vuole seguire con molta attenzione queste esperienze e costituire un coordinamento dei Comuni che hanno adottato il regolamento”.

Durante il convegno hanno portato la loro testimonianza anche altri Sindaci: Giuseppe Sala, Sindaco di Milano, Massimo Depaoli, Sindaco di Pavia, Giorgio Gori, Sindaco di Bergamo e Siria Trezzi, Sindaco di Cinisello Balsamo.

Il Sindaco Sala ha sottolineato, nel suo intervento, come la partecipazione civica sia “un elemento fondamentale per lo svecchiamento della politica. Il civismo a fianco del Comune non è solo importante, ma è anche un modello forte grazie ai cittadini, all’amministrazione e alle nuove strade che apre”.

Il Sindaco Depaoli ha evidenziato un tema ripreso in gran parte da tutti  i relatori, ovvero i limiti amministrativi. “Si lavora spesso per compartimenti stagni che rendono a volte difficile avviare un’attività da parte dei cittadini, non sempre avvezzi alla macchina amministrativa. Per questo a Pavia abbiamo istituito un gruppo di lavoro intersettoriale guidato dal segretario generale, affinchè si possa dare supporto in tempi rapidi ai cittadini attivi”.

Nella stessa direzione si muove in sostanza Bergamo che, fra l’altro, ha detto il Sindaco Gori “ha istituito reti sociali di quartiere, ovvero tavoli che riuniscono associazioni e rappresentanze diverse, dal comitato dei genitori alla polisportiva, dall’oratori ai volontari tout court. I comitati sono l’elemento di raccordo tra amministrazione e cittadini, sia per segnalare le iniziative da intraprendere sia per risolvere in via autonoma i problemi della zona. In supporto alle reti abiiamo istituito la figura dell’operatore di quartiere”.

Per Siria Trezzi, Sindaco di Cinisello Balsamo e vice presidente di Anci Lombardia, l’adozione del regolamento, “che nel nostro Comune si è adottato dopo un lungo percorso di dibattito e confronto, è un passo verso un cambio di visione nel modo di gestire i beni comuni, non più appaltati dai cittadini all’amministrazione, ma partecipati dai cittadini stessi. È importante tuttavia mantenere vivo questo strumento, aggiornarlo, pena l’obsolescenza”. (SM)

ANCI Lombardia © 2018  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961