Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE EUROPA

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Area riservata
NOTIZIE

Parità di genere

Bianco: "Comuni si impegnino a dedicare strade e piazze alle donne"

14 Giugno 2016

Delegazione Anci stamani ricevuta dalla Presidente della Camera, Laura Boldrini

“L’Anci si impegna a promuovere un riequilibrio di genere nella denominazione delle piazze e delle strade degli 8mila comuni italiani: oggi solo un’estrema minoranza, circa il 4%, sono dedicate a donne. E questo aspetto della parità di genere deve impegnarci, allo stesso tempo, verso un tema purtroppo molto più grave ed attuale, il femminicidio”. Così il sindaco di Catania e presidente del Consiglio nazionale dell’Anci, Enzo Bianco, che stamani è stato ricevuto dalla Presidente della Camera, Laura Boldrini, assieme al sindaco di Formia Sandro Bartolomeo. Entrambi hanno presentato delibere già operanti e progetti grazie ai quali la toponomastica sarà sempre più dedicata a donne importanti nelle realtà cittadine.
La Presidente Boldrini ha illustrato ai due sindaci i progetti per ricordare a Montecitorio le figure femminili che hanno avuto un ruolo rilevante non solo nel Parlamento nazionale, ma anche nel governo (come ad esempio la prima  ministra) o nelle assemblee regionali. “A Catania – ha detto Bianco – di recente abbiamo dato un riconoscimento, sentito e condiviso, alle “Staffette partigiane” e poi a tre donne come la cantante folk siciliana Rosa Balistreri, la signora Barbara Rizzo che morì nell’attentato di mafia a Trapani al giudice Carlo Palermo, e alla giornalista del TG3 Ilaria Alpi, uccisa in Somalia. Molte altre intitolazioni seguiranno”.
Bianco ha annunciato alla Presidente Boldrini che porrà il tema all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Nazionale Anci, per sensibilizzare sindaci e amministrazioni in questo senso. Ma non solo. “Mentre il Parlamento è chiamato a discutere una legge che renda più efficace il contrasto a questa forma odiosa di violenza, come sindaci e come Anci possiamo impegnarci da subito in azioni capillari nelle scuole di sensibilizzazione dei più giovani. Ad esempio attraverso il lavoro delle commissioni e delle consulte Anci che hanno competenza su Scuola e Pari opportunità”.

ANCI Lombardia © 2017  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961