Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE EUROPA

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Area riservata
NOTIZIE

FINANZA LOCALE

Un aiuto ai Sindaci. Ma non basta

18 Gennaio 2017

L'intervista del Giorno al Presidente Scanagatti in tema di finanza locale

Pubblichiamo di seguito l'intervista de Il Giorno di oggi mercoledì 18 gennaio al Presidente Roberto Scanagatti.

Roberto Scanagatti, presidente dell'Associazione nazionale comuni italiani (Anci) Lombardia, le novità in tema di finanza locale presentano più luci o più ombre?
«Le luci sono legate al fatto che è confermato il superamento del Patto di stabilità e per il secondo anno non ci sono tagli. Erano già all'osso, questo consente ai Comuni di poter programmare in modo più sereno. Tra le ombre c'è il problema che il passaggio dall'Imu alla Tasi per molti Comuni ha significato minore gettito. Non è stato superato il problema del turnover dei dipendenti e nei piccoli Comuni sta diventando un problema grosso. Infine è stato confermato il blocco delle aliquote, che se è un vantaggio per i cittadini, per quei Comuni che non hanno provveduto al ritocco prima, oggi è motivo di difficoltà. E poi ci sono altre questioni, come il fatto che i Comuni sedi di uffici giudiziari vantano crediti importanti, c'è stata l'anticipazione delle somme ma dal ministero della Giustizia non sono mai state riconosciute».
Come si articolerà il dialogo con il governo?
«Chiediamo che a breve arrivi il decreto enti locali, che comprenda alcuni di questi provvedimenti. Nel frattempo sono stati prorogati al 31 marzo i termini per l'approvazione di bilancio. Certo il turnover è uno dei temi più scottanti. Un Comune non può aspettare che vadano in pensione 4 dipendenti per sostituirne uno. Chiediamo che la percentuale possa essere del 75%».
Che effetti porterà il decreto Piccoli borghi in Lombardia?
«Assistiamo all'obbligo delle gestioni associate, ma sono già partite da tempo».
Ora manca il tassello della riforma delle Province.
«Domenica le Province lombarde sono andate al voto, per rinnovare i Consigli ma non i presidenti. Ora si apre una nuova fase di confronto sulla situazione attuale. Indietro non si torna. Anche se la riforma costituzionale non è stata approvata, vale comunque la legge Delrio».

L.Z.

 

ANCI Lombardia © 2018  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961