HomeChi SiamoOrganiScriviciCome associarsilavora con noi
 
NOTIZIE
VIDEONOTIZIE
CIRCOLARI
DIPARTIMENTI
DOCUMENTAZIONE
AGENDA
NEWSLETTER
LINK

Ancitel Lombardia
Conti in Comune

Materiali della XVII Assemblea Congressuale

Guida Ammnistratori locali 2014

2009-2014 BILANCIO SOCIALE ANCI Lombardia

RisorseComuni

Bilanci.net 2014

Esclusione dal Patto di stabilità per i piccoli Comuni
Credito in Cassa
Piccoli Comuni e Gestioni Associate
Ricerca IPSOS - ANCI Lombardia
 
Ancitel LombardiaFederSanità
Servizio civile anci lombardiaReteComuni
 
DoteComune
Vivere in Italia
 
 
 

 

NOTIZIA
 
25 Novembre 2011
Indice di virtuosità dei comuni lombardi: i documenti
Il protocollo di intesa e le relazioni tecniche del gruppo di lavoro sull'indice di virtuosità dei comuni lombardi.

Il gruppo di lavoro Regione Lombardia, Finlombarda e ANCI Lombardia ha lavorato sulla individuazione dell'indice di virtuosità dei Comuni.


Il lavoro è partito dalll'insediamento di un gruppo di lavoro e il primo risultato è stata la sottoscrizione del protocollo di intesa il 26 luglio 2011 con un allegato tecnico che ha stabilito parametri e peso dei diversi indicatori. Nell'allegato tecnico si prevedeva la possibilità di ulteriori parametri in base a problematiche  emerse durante i lavori.

A seguire il lavoro è entrato nel dettaglio ed ha prodotto una relazione finale, l'applicazione del metodo individuato e la definizione di una classifica di virtuosità.

Si ribadisce la sperimentalità dell'iniziativa e la necessità di affinare il lavoro anche considerando quantità e qualità dei servizi erogati e bilanci delle aziende partecipate.

I dati considerati sono i dati desunti dai certificati di conto consuntivo dei Comuni che il Ministero dell'Interno ha reso disponibili: 2006-2007-2008.

in allegato i documenti delle diverse fasi del lavoro.

Il
Patto di stabilità territoriale 2011 istituito dalla Regione Lombardia
prevede che una quota (il 5% dei 50 milioni di euro) del plafond di 70 milioni di
spesa teorica cui la Regione rinuncia in favore degli enti locali sia
assegnata ai Comuni secondo criteri di virtuosità finanziaria,
individuati attraverso la collaborazione tra la stessa Regione,
Finlombarda e ANCI Lombardia, che ha visto il confronto con esperti di
finanza pubblica.


Consideriamo
il lavoro fatto fin qui sugli indicatori di virtuosità finanziaria dei
Comuni un primo, sperimentale passaggio per arrivare a stabilire
indicatori di virtuosità ancora più completi che tengano conto anche
della qualità dei servizi e del conto consolidato coi bilanci delle
aziende partecipate
” spiega il Segretario generale di ANCI Lombardia Pier Attilio Superti.


Le
analisi del gruppo di lavoro si sono basate sui consuntivi di bilancio
2006, 2007 e 2008 forniti dal Ministero degli Interni. Non è stato
infatti possibile finora reperire dati ufficiali più recenti. I
parametri presi in considerazione per l’elaborazione degli indicatori
afferiscono a quattro aree: flessibilità di bilancio, livello e
sostenibilità del debito, capacità programmatoria e di spesa, autonomia
finanziaria e capacità di riscossione.


“Dal lavoro fatto emerge un quadro d’insieme positivo – continua Superti
- i Comuni lombardi sono complessivamente virtuosi dal punto di vista
finanziario, tanto che per dare senso a una classifica solo regionale,
abbiamo dovuto alzare l’asticella di alcuni parametri.


I
Comuni che hanno sforato in passato il patto di stabilità non sono
stati esclusi dalla classifica, ma hanno subito una penalizzazione
proporzionale col numero di anni di sforamento.


Tra
le operazioni di affinamento compiute nel corso dell’elaborazione dei
criteri rientra anche il computo dei “city users” tra i parametri dei
Comuni con più di 50.000 abitanti.


“Non
potevamo non tenere conto che parte degli investimenti fatti dalle
città più grandi è dovuta alla presenza di persone che non
contribuiscono direttamente al bilancio
– spiega Superti – e
dunque abbiamo aumentato il punteggio delle città che attraggono
pendolari. Come criterio per quantificare il numero di city users ci
siamo basati su un unico parametro quantificabile presente in tutti i
Comuni: la produzione e lo smaltimento di rifiuti urbani”.


“in
Lombardia è stato importante affiancare alla virtuosità finanziaria
comunale il concetto di premialità, mettendo a disposizione un plafond
di spesa aggiuntivo e per l’appunto “premiale”, per quanto modesto
– conclude Superti -. Questo
non accade a livello nazionale, dove gli incentivi ai virtuosi
verrebbero scaricati su Comuni già in difficoltà, aggravando dunque la
loro posizione finanziaria
”.




L'indice di virtuosità è composto da quattro macro-aree di analisi: 



  • flessibilità di bilancio: la misurazione della flessibilità di
    bilancio, intesa come capacità di liberare risorse, avviene attraverso
    parametri volti a individuare la quantità o l'incidenza della spesa
    "rigida" o "non comprimibile" (che tipicamente corrisponde alla parte
    corrente del bilancio): quanto minore è l'incidenza di tale spesa, tanto
    maggiore sarà la disponibilità di risorse da destinare alle politiche

  • debito e sviluppo: l'analisi del livello di indebitamento
    permette di verificare la sostenibilità del bilancio di un ente nel
    medio periodo. Il ricorso al debito non è di per sé negativo, ma
    certamente richiede una gestione molto equilibrata, perché gli oneri
    finanziari producono effetti sui bilanci per un arco di tempo
    pluriennale e incidono sulla sostenibilità finanziaria di medio periodo,
    dovendo, inoltre, coniugarsi con l'obiettivo di sostenere lo sviluppo

  • capacità programmatoria: la capacità di effettuare una corretta
    programmazione finanziaria e di realizzare i progetti e le previsioni è
    un elemento che denota la virtuosità di un ente; in particolare
    l'attendibilità della programmazione potrà essere misurata in termini di
    competenza e di cassa, sia sul versante delle entrate che sul versante
    delle spese

  • autonomia finanziaria e capacità di riscossione: l'autonomia
    finanziaria è un altro parametro importante che deve riguardare sia la
    capacità di programmazione dell'Ente che la sua capacità effettiva di
    riscuotere quanto previsto e deciso. 


 


Gli ambiti di analisi sono esaminati sulla base di questi elementi:



  • orizzonte temporale: l'indicatore è calcolato su un arco di tempo
    corrispondente all'ultimo triennio, allo scopo di minimizzare o
    eliminare eventuali effetti distorsivi correlati a eventi legati ad uno
    specifico esercizio

  • classi demografiche: i valori medi sono calcolati valutando anche la dimensione della popolazione 

  • condizioni di contesto: elementi che possono incidere
    oggettivamente sulle performance dei comuni, come ad esempio nei casi di
    piccoli comuni, comuni montani, città metropolitane, gestione associata
    di funzioni, ecc. 


 


Regione Lombardia provvederà ad aggiornare annualmente l’indicatore
sulla base dei nuovi dati disponibili e dell’eventuale introduzione di
ulteriori parametri.












Tutte le notizie
Scarica la versione stampabile

Allegati
Il protocollo di intesa di luglio 2011
La graduatoria dei Comuni
La relazione sui criteri di virtuosità
L'allegato tecnico finale


Milano, 16:01
MUSEI, DOMENICA GRATIS: 2.579 VISITATORI A PINACOTECA BRERA ALLE 14
Milano, 16:01
MONTENAPOLEONE, TENTANO PRELIEVO CON CARTE CREDITO CLONATE: ARRESTATI DUE RUMENI
Milano, 17:25
INCIDENTE DOPO TENTATO FURTO, NOMADI COINVOLTI TUTTI DELLA STESSA FAMIGLIA
Milano, 16:28
QUIRINALE, AMBROSOLI: SODDISFAZIONE ELEZIONE MATTARELLA, MARONI PERDE OCCASIONE
Milano, 15:29
VIA RANZONI, 82ENNE TRUFFATO DA FINTA DIPENDENTE DEL COMUNE


ANCI ancitel
Cittalia - fondazione ANCI ricerche IFEL
Comuniverso
Guida ANCI 2013

Anci Risponde
Le Anci regionali
I borghi più belli d’Italia

 
Catasto Lombardia USCI
Regione Lombardia Portale Servizi di Pubblica Utilità
Banner sgate  
   
Progetto PRISMA - CESTEC
             
Dipartimenti
Documentazione Organi ANCI Lombardia
Dipartimento Città Metropolitana
IMU - Guerini: 'Stime troppo ambiziose, ora si apra tavolo con governo di concertazione e dialogo'
Dobbiamo continuare le iniziative per cambiare il patto di stabilità e i tagli ai comuni
Cultura – Sport – Politiche Giovanili - Servizio Civile
Dipartimento Cultura-Sport-Politiche Giovanili-Servizio Civile 6 febbraio 2015 ore 14.00
Circolare n. 25/15
VI Assemblea Nazionale Anci Giovani - Appuntamento a Milano il 20 e 21 febbraio 2015
Welfare – Immigrazione – Sanità - Disabilità
Welfare - Fassino a Poletti: ''Avviamo confronto su disagio nelle Città''
Fassino: ''Con Accordo Anci Ministero e Terzo Settore benefici per chi non ha lavoro e per i Comuni''
Dipartimento Welfare Immigrazione Sanità Disabilità 26 gennaio 2015 ore 14.30
Sicurezza - Protezione Civile - Polizia Locale
Circolare n. 24/15
Circolare n. 15/15
Attentato Parigi - Fassino: ''Sbagliato mettere in discussione Schengen''
Istruzione - Formazione - Scuole dell'Infanzia
Circolare n. 22/15
Emergenza abitativa - Sbloccati 137 milioni di euro
Dipartimento Istruzione 21 gennaio 2015 ore 15.00
Servizi Pubblici Locali - Ambiente - Mobilità
Amianto - Fassino a Galletti: ''Ancora situazioni critiche, auspichiamo chiarimenti''
Circolare n. 23/15
Circolare 16/15
Commercio - Attività Produttive - Turismo - ICT - Semplificazione
Circolare n. 21/15
Circolare n. 14/15
Circolare n. 6/2015
Riforme Istituzionali - Legalità - Trasparenza
Comitato delle Regioni - Prima riunione delegazione italiana
Giustizia - Fassino: ''Amministratori da tutelare, serve monitoraggio Legge Severino''
Stato - Città, Anci: ''Nel Dlgs sul federalismo fiscale le risorse necessarie per città metropolitane e nuove province''
Territorio - Urbanistica - Politiche Abitative - Lavori Pubblici - Politiche Agricole
Luoghi di culto - Pisapia: ''Legge lombarda anti-moschee è brutta e ideologica''
I Sindaci molto critici verso la Legge ''anti moschee''
Circolare n. 13/15
Piccoli Comuni - Montagna - Unione dei Comuni - Forme Associative
Gestioni associate - Anci: ''Cooperare per loro efficace costituzione''
Circolare n. 18/15
Dipartimento Piccoli Comuni Montagna Unione dei Comuni Forme Associative 26 gennaio 2015 ore 11.30
Finanza Locale - Federalismo Fiscale - Personale - Patto di Stabilità Territoriale
Lunedì 2 febbraio - Convegno: ''Il partenariato pubblico privato''
MILANO - Convegno ''Il partenariato pubblico privato''
Bilanci - Armonizzazione contabile, sul portale Ifel il servizio di assistenza per i Comuni
Tavolo Pari Opportunità
Più donne in politica: appello per i ballottaggi
Più donne in politica: appello ai candidati sindaci
Pari opportunità nei Comuni, iniziativa ANCI-Presidenza Consiglio dei Ministri
Città Metropolitana
Città Metropolitane: ''Governo punti sulle Città e sciolga i nodi su tagli, funzioni, risorse e personale''
Città metropolitane - Fassino e Nardella a Governo: ''Servono soluzioni urgenti''
Città metropolitane - Fassino: ''Governo rimoduli i tagli sulla base di fabbisogni reali''
Europa - Cooperazione Internazionale
MILANO - Workshop ''Nuove forme di governance per lo sviluppo dei territori''
Nuove forme di governance per lo sviluppo dei territori - workshop il 30 gennaio
Dipartimento Europa Cooperazione Internazionale 15 dicembre 2014 ore 15.00