HomeChi SiamoOrganiScriviciCome associarsilavora con noi
 
NOTIZIE
VIDEONOTIZIE
CIRCOLARI
DIPARTIMENTI
DOCUMENTAZIONE
AGENDA
NEWSLETTER
LINK

Ancitel Lombardia
Assemblea ANCI Lombardia
Dossier Legge Delrio
Elezioni 2014
RisorseComuni

Bilanci.net 2014

Esclusione dal Patto di stabilità per i piccoli Comuni
Credito in Cassa
Piccoli Comuni e Gestioni Associate
Ricerca IPSOS - ANCI Lombardia
 
Ancitel LombardiaFederSanità
Servizio civile anci lombardiaReteComuni
 
DoteComune
Vivere in Italia
Guida Ammnistratori locali 2010
 
 

 

NOTIZIA
 
29 Settembre 2011
La nuova rete delle scuole lombarde
Pubblichiamo la relazione di Pierfranco Maffè al convegno di Monza. La Regione differisce i termini per il dimensionamento scolastico. E ANCI risponde alle province sul tema dell'assistenza ai disabili.

IN ALLEGATO:


la relazione del presidente del dipartimento Istruzione Pierfranco Maffè,

la lettera a Regione e Province sull'assistenza ai disabili nelle scuole superiori,

la nota della Regione sul dimensionamento scolastico,

i saluti dell'Assessore regionale Rossoni al convegno ANCI sulla scuola tenuto a Monza il 28 settembre.

 

 

LA NUOVA RETE DELLE SCUOLE LOMBARDE - Relazione di Pierfranco Maffè

 


In vista dell’attribuzione dell’autonomia, prevista dalle norme relative al decentramento amministrativo approvate alla fine degli anni ’90, i Comuni lombardi hanno provveduto a costruire una rete di scuole statali, in base al dettato del Decreto Legislativo n. 112/98, art. 139, che poneva in capo agli enti locali la competenza del dimensionamento.

 

In base al DPR n. 233 del 1998 si costituirono in Lombardia 1305 scuole statali, considerando che i parametri del DPR prevedevano una popolazione scolastica di almeno 500 alunni, fino ad un massimo di 900.

Nel 2000, quando fu avviata l’autonomia, nella nostra regione la media era di 750 alunni per istituto, con una percentuale equamente suddivisa tra istituti comprensivi, quindi dimensionati in verticale e direzioni didattiche o scuole medie, cioè istituti dimensionati in orizzontale.

                        

In questi 11 anni si è provveduto costantemente alla “manutenzione della rete”, verificando il rispetto dei parametri, quindi considerando i dati relativi alla popolazione scolastica, i trend demografici, la possibilità per i Comuni di stabilire un percorso unitario per la gestione dei servizi per il diritto allo studio, privilegiando quindi la tendenza a verticalizzare, cioè a costituire l’istituto comprensivo, oggi presente in  maggioranza.

 

Oggi in Lombardia funzionano 1.285 scuole statali. Le scuole dell’obbligo sono 914 e di queste 642 sono istituti comprensivi, 184 sono circoli didattici e 88 sono scuole medie. Sappiamo che queste ultime due tipologie di scuola dovrebbero essere soppresse, per far posto solo ad istituti comprensivi.

Un altro dato importante è quello relativo all’aumento di popolazione scolastica: oggi vi sono in media 880 alunni per ogni istituto lombardo.

 

Stiamo parlando di scuole statali, sappiamo che in Lombardia esiste anche un sistema scolastico integrato, con 2.522 scuole paritarie, di cui moltissime scuole dell’infanzia, con i Centri di Formazione Professionale e con enti accreditati.

 

Il dimensionamento però riguarda le scuole statali, quindi noi oggi dobbiamo considerare le scuole statali. In particolare i Comuni si occupano delle scuole dell’obbligo, che sono l’oggetto della legge n. 111, la quale non parla di dimensionamento delle scuole superiori, che sono di competenza delle Province.

 

Quali sono stati i criteri su cui si è ragionato in questi anni:

 

1.    La territorialità come valore, cioè come ambito in cui sviluppare e far crescere le scuole con le potenzialità dell’autonomia.

 

2.    L’unitarietà del percorso didattico e dei servizi. Non solo, quindi, attenzione al diritto allo studio ma anche al curricolo verticale, anticipando quindi il dettato della legge n. 111 del 15 luglio 2011, che proprio all’art.  19, comma 4, prevede la possibilità di garantire un processo di continuità didattica nell’ambito dello stesso ciclo di istruzione.

 

3.    La possibilità di governare il territorio e i trend demografici, in funzione dello sviluppo urbanistico, quindi programmando gli interventi a scopo abitativo sapendo che poi i cittadini residenti hanno bisogno di servizi.

 

4.    La possibilità di dotare i Comuni di strumenti di programmazione al loro interno (quindi collegando l’ufficio anagrafe col settore tecnico, col settore istruzione, con il sociale, ecc.) e al loro esterno, quindi avviando la programmazione di ambito con i Comuni vicini.

 

5.    Il collegamento con il sistema economico e produttivo locale, in vista dell’orientamento scolastico e professionale

 

Considerando questi principi, si sono ottenuti importanti risultati, anche se vi sono margini di miglioramento. Oggi discutiamo su ciò che si è fatto ma soprattutto su ciò che si potrebbe fare.

 

Andrebbero considerati anche altri aspetti:

 

a.     La questione dell’edilizia scolastica, con le problematiche della sicurezza da una parte e i vincoli del patto di stabilità dall’altra.

b.    Il problema della capienza degli spazi, quindi dei limiti oggettivi all’accoglienza delle iscrizioni, con il conseguente coordinamento territoriale per garantire il diritto all’istruzione.

 

c.     La capacità di programmare a livello di territorio e non solo a livello di confine comunale.

 

d.    L’approfondimento dell’aspetto relativo al coordinamento di area vasta, quindi al ruolo delle Province in relazione alle competenze dei Comuni. Non dimentichiamo che le proposte di modifica al Piano di dimensionamento vanno deliberate dai Comuni ma devono ottenere il parere favorevole delle Province, prima di arrivare in Regione.

 

e.     La valorizzazione dell’autonomia, ribadita anche dalla Legge Regionale n. 19/07. L’autonomia oggi purtroppo deve fare i conti con la riduzione delle risorse umane e finanziarie a disposizione, sia per i tagli agli organici sia per i limitati fondi dei Comuni.

 

f.      La possibilità di rivolgersi ad un’utenza che non sia quella tradizionale dell’alunno dai 3 ai 14 anni. Il Decreto Legislativo n. 112/98 pone in capo agli enti locali la competenza dell’Educazione degli Adulti, coinvolgendo quindi cittadini stranieri che necessitano di alfabetizzazione, cittadini anche italiani in cerca di una nuova occupazione o comunque disponibili a rimettersi in gioco attraverso percorsi formativi, o cittadini interessati all’educazione permanente.

 

g.     Ultimo, ma non ultimo per importanza, il confronto con il dato nazionale. In Lombardia siamo abituati a rispettare la legge, per cui se viene dato un parametro noi programmiamo in funzione di quel dato. Sappiamo che non è dappertutto così.

 

Oggi ci troviamo in questa situazione. Una legge dello Stato, la n. 111 del 15 luglio 2011, ha alzato il parametro degli istituti autonomi, prevedendo almeno 1.000 alunni per scuola e solo istituti comprensivi. La Regione Lombardia ha diramato indicazioni alle Province attraverso una circolare del 27 luglio scorso e le Province hanno stabilito le scadenze per le delibere comunali, cioè i termini entro cui approvare le proposte. Quasi tutte le Province hanno previsto il 30 settembre 2011, qualcuna il 15 ottobre.

 

Siamo al dunque, molti Comuni hanno già deliberato, altri lo stanno per fare. I Comuni lombardi hanno quindi preso sul serio il dettato della legge, portandosi avanti rispetto all’orientamento condivisibile del processo di continuità didattica, parlando quindi alle famiglie degli alunni e dicendo: “Iscrivi tuo figlio a 3 anni a quella scuola e in quella scuola si creeranno le condizioni per accompagnarlo sino ai 14 anni”, quindi con un impegno anche a regolare i flussi, ad organizzare i servizi, a predisporre le strutture.

 

Dicevamo che i Comuni lombardi si sono messi al lavoro ma sappiamo che in altre parti d’Italia questo non è avvenuto. Oggi vorremmo dire all’Assessore regionale che il rispetto della legge non può diventare un fattore penalizzante, per cui i soliti furbi aspettano che noi razionalizziamo e risparmiamo, mentre altri continuano nell’abuso, cioè nel non rispetto della norma.

 

Una proposta, quindi, potrebbe venire proprio da questa constatazione. Ma allora perché non si stabilisce una “dotazione regionale” di istituti autonomi, sulla base della popolazione scolastica? Si stabilisce un parametro, basato sul limite previsto dalla legge. La legge dice 1.000 alunni per istituto. Quanti istituti spettano a ciascuna regione? Entro questa dotazione si possono individuare le soluzioni più adeguate, non solo legate al calcolo matematico degli alunni o dei plessi da aggregare ma preoccupandosi della razionalità dell’intervento, delle deroghe possibili per le aree montane, di tutte le situazioni di sofferenza che abbiamo incontrato in questa fase di razionalizzazione, molte delle quali non sono ancora definite né risolte, perché non è sempre semplice trovare la soluzione in situazioni complesse.

 

Questa proposta risponderebbe anche ad un principio di equità, evitando tagli generalizzati, che vengono vissuti come ingiusti. Sappiamo che il dimensionamento non è uguale in tutta Italia. Come sappiamo che non è omogeneo in Italia il dato rispetto al rapporto alunni per classe o alunni per docente.

 

Abbiamo offerto alcuni spunti di riflessione e vogliamo creare i presupposti per un confronto con la Regione.




Tutte le notizie
Scarica la versione stampabile

Allegati
I saluti dell'Assessore regionale Rossoni
La nota della Regione sul dimensionamento scuole
La relazione di Pierfranco Maffè
La risposta a UPL sull'assistenza ai disabili


Milano, 10:32
MM, PROGETTATA NUOVA RETE DATI IN FIBRA OTTICA DI 1.500 KM
Milano, 15:57
FERRAGOSTO, 600MILA MILANESI FUORI CITTA': MENO ACQUA E PIU' BIKEMI
Milano, 14:50
POLIZIA LOCALE, RUBAVA IN NEGOZI STAZIONE CENTRALE: ARRESTATO
Milano, 12:48
POLITECNICO, SCALATA CLASSIFICA ARWU: ENTRA IN TOP 15 ATENEI EUROPEI
Milano, 11:29
GIOCO AZZARDO, CRESCONO IMPRESE IN LOMBARDIA: MILANO TERZA IN ITALIA


ANCI ancitel
Cittalia - fondazione ANCI ricerche IFEL
Comuniverso
Guida ANCI 2013

Anci Risponde
Le Anci regionali
I borghi più belli d’Italia

 
Catasto Lombardia USCI
Regione Lombardia Portale Servizi di Pubblica Utilità
Banner sgate  
   
Progetto PRISMA - CESTEC
             
Dipartimenti
Documentazione Organi ANCI Lombardia
Dipartimento Città Metropolitana
IMU - Guerini: 'Stime troppo ambiziose, ora si apra tavolo con governo di concertazione e dialogo'
Dobbiamo continuare le iniziative per cambiare il patto di stabilità e i tagli ai comuni
Politiche Giovanili, Servizio Civile, sport, Polit
“Gli Oscar dello sport italiano” – Premio Sport & Cultura 2014
Settimana dell'attività fisica (29 settembre/5 ottobre) promossa da ''Now we move''
Circolare n. 122/14
Welfare e Sanità
Circolare n. 144/14
L'assegno INPS per le famiglie numerose di cittadini stranieri
Circolare n. 143/14
Sicurezza, Protezione Civile e Turismo
Cultura e Turismo
Richiesta osservazioni per Campagna Anti Incendi Boschivi 2014
Questionario online sulle misure anticorruzione - Proroga al 7 giugno
Istruzione, Cultura, Scuole Materne, dell'Infanzia
Edilizia scolastica - Programma “Scuole belle”
Programma Scuole sicure
Circolare n. 142/14
Ambiente, Trasporti e Servizi Pubblici Locali
Circolare n. 139/14
L'Anac risponde sul CIG per i Comuni non capoluogo
Presentato Rapporto Rifiuti Ispra 2014
Commercio, Attività Produttive, Semplificazione
Circolare n. 141/14
Circolare n. 123/14
Circolare n. 114 /14
Riforme, E-government, Federalismo, Cooperazione e
Approvata alla Camera la conversione del d.l. n.90/14
Nota di lettura Anci sul DL''Pubblica Amministrazione'' e le norme di interesse per i Comuni
Circolare n. 126/14
Lavori pubblici, Territorio e Politiche Agricole
MONZA - Convegno ''Contenimento consumo di suolo e revisione LR 12/2005''
Consumo di suolo - Convegno a Monza sui Pdl regionali
Consumo di suolo - gli interventi di Anci Lombardia al convegno di Monza
Piccoli Comuni, Unioni dei Comuni e Forme Associat
Gestioni associate - Guerra: ''Bene proroga al 30 settembre per certe funzioni''
Circolare n. 107/14
Unioni dei Comuni - In Gazzetta Ufficiale il decreto sulle certificazioni per i servizi in forma associata
Finanza Locale, Federalismo Fiscale, Personale e P
Circolare n. 145/14
BILANCI_NET 2014: Aggiornamenti
Patto di stabilità: un'interpretazione discutibile del monitoraggio
Tavolo Pari Opportunità
Più donne in politica: appello per i ballottaggi
Più donne in politica: appello ai candidati sindaci
Pari opportunità nei Comuni, iniziativa ANCI-Presidenza Consiglio dei Ministri
Città Metropolitana
MILANO - Seminario sulle funzioni della Città metropolitana
Le funzioni della Città metropolitana di Milano
Lanzetta: ''Sì ai Sindaci delle Città metropolitane nel nuovo Senato''