Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE EUROPA

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Area riservata
CIRCOLARI

Circolare n. 289/17

Sistema 0-6, Iscrizioni AS 2018/19, Intesa mense biologiche

29 Novembre 2017

Circolare n. 289/17

Milano, 29 novembre 2017
Prot. n. 6440/17
Circolare n. 289/17          
Al sig. SINDACO
Al sig. ASSESSORE all’Istruzione
Al sig. ASSESSORE ai Servizi sociali
Al sig. ASSESSORE alle Finanze
Al sig. RESPONSABILE Ufficio Scuola
Al sig. RESPONSABILE Servizi sociali
Al sig. RESPONSABILE Uffici finanziari                                                                                     
Comuni della Lombardia
LORO SEDI
Oggetto:   Sistema 0-6, Iscrizioni AS 2018/19, Intesa mense biologiche

1. Sistema 0-6 anni – Contributi ai Comuni
In questi giorni moltissimi Comuni ci hanno contattato per avere maggiori dettagli circa i tempi e le modalità di erogazione dei fondi previsti dal Decreto Legislativo n. 65 del 13 aprile 2017, attuativo della legge su “La buona Scuola” e circa le possibili destinazioni dei contributi. 
In proposito ANCI Lombardia ha diramato una serie di circolari e ha tempestivamente pubblicato anche dei comunicati sul proprio sito.
In risposta ai numerosi quesiti pervenuti e auspicando di fornire i chiarimenti richiesti in merito alla vasta casistica che ci è stata sottoposta, comunichiamo quanto segue:
a. Decreto legislativo n. 65 del 13 aprile 2017 – ANCI Lombardia lo ha trasmesso ai Comuni con propria circolare n. 96 del 19 maggio 2017, non appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.
b. Destinazione dei contributi – L’art. 12 del D. L.vo n. 65/2017 precisa le diverse destinazioni per cui il contributo può essere utilizzato. 
Il comma 2) prevede:
- Interventi di nuove costruzioni, ristrutturazioni edilizie, messa in sicurezza, ecc. di edifici di proprietà delle pubbliche amministrazioni;
- Quota parte delle spese di gestione dei servizi educativi per l’infanzia e scuola dell’infanzia, in considerazione dei loro costi e della loro qualificazione;
- La formazione continua del personale educativo e docente e la promozione dei coordinamenti pedagogici territoriali.
Il comma 3) dell’art. 12 prevede che venga promossa un’Intesa in sede di Conferenza Unificata per il riparto del fondo. L’Intesa per il 2017 ha avuto il parere favorevole nella seduta della C.U. del 2 novembre scorso, ma non è ancora stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Questa Intesa prevedeva per la Lombardia uno stanziamento di € 40.000.464,00; prevedeva anche che le Regioni inviassero al Ministero dell’Istruzione, entro il 20 novembre 2017, l’elenco dei Comuni beneficiari dei contributi e l’ammontare dei contributi spettanti, sentite le ANCI regionali.
La Regione Lombardia ha inviato nei tempi previsti il Decreto n. 14499 del 20 novembre 2017, unitamente all’Allegato A, relativo all’elenco dei Comuni beneficiari.
Il comma 4) dell’art. 12 prevede che il Ministero dell’Istruzione eroghi direttamente ai Comuni il contributi spettante, previa programmazione regionale, sulla base delle richieste degli Enti Locali.
c. Utilizzo del contributo per l’anno 2017 – Il finanziamento spettante ai Comuni è stato determinato dalla Regione sulla base dei servizi attivati nell’anno 2017. Non sono stati considerati criteri relativi alle opere di edilizia scolastica o alla formazione continua del personale educativo e docente. 
In proposito il Decreto regionale n. 14499 del 20 novembre 2017 ha precisato i criteri per l’attribuzione dei contributi per l’anno 2017:
- Il 30 % del fondo in proporzione alla popolazione di età compresa tra gli 0 e i 6 anni, 
come risulta dai dati ISTAT.
- Il 70 % in proporzione ai posti autorizzati e ai bambini iscritti ai servizi del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino ai 6 anni, di cui:
o Il 50 % in relazione ai posti autorizzati in servizi di prima infanzia (dati Regione Lombardia ottobre 2017);
o Il 15 % in relazione agli iscritti alle Scuole per l’infanzia paritarie autonome (dati Regione Lombardia 2016/17) e paritarie comunali (dati Ufficio Scolastico Regionale 2017/18);
o Il 5 %  in relazione agli iscritti ai servizi educativi a favore di bambini di età dai 24 ai 36 mesi (Sezioni Primavera – dati Ufficio Scolastico Regionale 2016/17).
d. Opere edilizie – Alcuni Comuni chiedono se possono utilizzare le risorse assegnate per coprire spese sostenute per interventi edilizi. Per il 2017 la Regione non ha previsto tale casistica (anche se inserita nell’art. 12 del Decreto n. 65/2017), perché ha considerato solo la voce relativa alle spese di gestione dei servizi educativi, individuando come parametro il numero dei posti autorizzati. 
e. Utilizzo su alcuni mesi del 2017 – Qualche Comune ci ha segnalato il funzionamento di un servizio solo fino al 31 agosto 2017. A nostro avviso il contributo è stato comunque erogato perché, nel corso del 2017, era in funzione almeno un servizio educativo per la fascia 0-6 anni. Ci chiedono se va restituita la quota relativa ai mesi di mancato funzionamento. ANCI Lombardia ha già inviato in proposito un quesito in Regione. 
f. Misura strutturale – L’art. 13 del Decreto in oggetto prevede per l’annualità 2017 uno stanziamento di € 209 milioni, per il 2018 uno stanziamento di € 224 milioni e, a decorrere dal 2019, uno stanziamento di € 239 milioni. Quindi si tratta di una misura strutturale. I criteri di suddivisione dei fondi vanno previsti da un provvedimento da approvarsi di anno in anno, come è avvenuto per il 2017 con il Decreto approvato in Conferenza Unificata lo scorso 2 Novembre.
g. Trasferimento dei contributi alle scuole – Molti Comuni sono preoccupati di dover, in qualche modo, “trasferire” alle scuole paritarie il contributo assegnato. Si ricorda che il contributo è assegnato ai Comuni in base ai servizi funzionanti nel proprio territorio nel 2017, per cui sta al  Comune valutare l’opportuno utilizzo di tali risorse, erogate proprio in funzione del servizio attivato. 
h. Scuole dell’infanzia statali - Non sono previsti finanziamenti per i Comuni sul cui territorio funzionino soltanto Scuole dell’infanzia statali. Il decreto approvato in Conferenza Unificata il 2 novembre scorso in proposito è molto chiaro.
i. Sede legale e sede reale della scuola – Alcuni Comuni sono destinatari di contributi assegnati per posti autorizzati in scuole paritarie che hanno la sede legale nel proprio territorio ma che, in realtà, funzionano in altri Comuni. Prevediamo che le scuole interessate assumeranno iniziative per prendere contatto con i Comuni beneficiari, affinché venga ”devoluta” ai Comuni che ospitano la scuola la quota parte spettante in base al numero di bambini frequentanti.
j. Aspetti contabili – Molti Comuni ci hanno segnalato la necessità di prevedere l’importo assegnato all’interno dell’esercizio finanziario 2017, sia in entrata che in uscita e hanno provveduto alla variazione al bilancio. ANCI Lombardia ritiene che i fondi saranno “assegnati” nell’anno 2017 (perché il Ministero dell’Istruzione deve impegnare i fondi) mentre l’erogazione potrebbe slittare ai primi del 2018. L’Associazione ha già precisato che, a legislazione vigente, i Comuni devono procedere all’accertamento del contributo nel 2017, anche entro il 30 novembre, data utile per l’assestamento di bilancio, ma tali fondi possono anche essere inseriti nel Fondo pluriennale vincolato, per un loro utilizzo negli anni successivi.
Visto il presumibile ritardo con cui saranno accreditati i fondi, fatta salva la regolarità contabile richiamata (cioè l’accertamento nel 2017), ANCI si sta impegnando per una deroga al principio contabile, per poter effettuare l’accertamento nel 2018.
k. Rendicontazione – Molti Comuni sono preoccupati di come rendicontare l’utilizzo dei fondi. L’Intesa del 2 novembre 2017 prevede che, entro il 31 gennaio 2018, le Regioni trasmettano al Ministero dell’Istruzione le tipologie di interventi attuati o da attuare, sulla base delle risorse erogate ai Comuni e alle loro forme associate.
ANCI Lombardia ha già chiesto alla Regione se i Comuni debbano documentare i servizi educativi per i quali sono stati assegnati i contributi o se, invece, non sia necessario rendicontare alcunché. Non appena in possesso della risposta, sarà premura di ANCI Lombardia informare i Comuni, anche per evitare ulteriori adempimenti dell’ultimo minuto.

2. Iscrizioni Anno scolastico 2018/19
In data 13 novembre 2017 il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ha diramato la circolare Prot. n. 14659, relativa alle iscrizioni alle scuole dell’infanzia e alle scuole di ogni ordine e grado per l’anno scolastico 2018/19.
Le iscrizioni potranno essere presentate a partire dal 16 gennaio 2018, sino al 6 febbraio 2018.

3. Intesa mense biologiche
Nel corso della Conferenza Unificata del 16 novembre scorso è stata raggiunta l’intesa sul decreto che consente ai Comuni e ai privati di poter qualificare il proprio servizio di refezione scolastica come mensa biologica.

Cordiali saluti.
Pier Franco Maffè
Presidente Dipartimento Istruzione di Anci Lombardia

ANCI Lombardia © 2018  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961