Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE EUROPA

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Accedi
NOTIZIE

Delrio: ''Il 2013 sarà un annus horribilis per i Comuni, nuovo governo riduca subito tagli''

14 Febbraio 2013

Delrio ha spiegato come la situazione per i comuni "è aggravata ulteriormente anche a seguito dei tagli occulti a cui i sindaci hanno dovuto fra fronte nel corso del 2012: un complesso di oltre 3,6 miliardi di euro”

"Nel 2012 i comuni con l’Imu sono diventati più poveri, perdendo rispetto all’Ici più di un miliardo di euro. Grazie al nostro contributo lo Stato ha risanato i propri conti, ma nel frattempo si sono ‘scassati’ i nostri bilanci. Adesso quest’anno rischia di diventare un annus horribilis,  se il nuovo governo non sospenderà subito i provvedimenti sulla spending review che scarica su di noi altri 3 miliardi di tagli, che non ci consentono fisicamente di costruire neanche i bilanci”. E’ l’allarme lanciato dal presidente dell’Anci Graziano Delrio illustrando le valutazioni dell’associazione sui dati dei versamenti Imu diffusi nei giorni scorsi dal ministero dell’Economia. Parlando in una conferenza stampa, insieme al Presidente del Consiglio nazionale Anci e Sindaco di Roma, Gianni Alemanno ed al vicesindaco di Napoli, Tommaso Sodano, il presidente Delrio ha sottolineato innanzitutto come degli incassi dell'Imu, “manca all'appello un miliardo di euro rispetto al gettito incamerato con l'Ici. A fronte di cio' il governo dovra' pensare seriamente a sospendere per l'anno in corso i tagli previsti dalla spending review, che ammontano a 2,25 miliardi euro”. “I cittadini hanno pagato un conto salato per risanare il bilancio dello Stato, lo stesso hanno fatto i Comuni. L'incendio che divampava a Roma, ora divampa in periferia”, ha sottolineato.
 
Delrio ha spiegato come la situazione per i comuni "è aggravata ulteriormente anche a seguito dei tagli occulti a cui i sindaci hanno dovuto fra fronte nel corso del 2012: un complesso di oltre 3,6 miliardi di euro, composto nello specifico da un taglio 2,6 miliardi di euro prodotti dalle manovre del governo, da 464 milioni per mancato riconoscimento della Ici effettiva e da 603 milioni per mancato gettito standard”.
 
Il totale dell'Imu comunale ha avuto un valore nel 2012 di 15,6 miliardi di euro, di cui pero' oltre 11,6 ad aliquota base, che per effetto delle compensazioni previste dalla legge – ha riferito il presidente Anci - avrebbe dovuto corrispondere al gettito Ici 2010. Ma, ha ribadito, "ad aliquote base l'Imu non ha portato risorse aggiuntive ai comuni, a fronte del totale di 23,7 miliardi prodotti di cui otto miliardi andati allo Stato”.
 
Secondo il leader dei sindaci, il futuro governo non deve dimenticare che “l'apporto dato dai comuni al risanamento della finanza pubblica e' stato, sara' tra il 2007 e il 2014, di oltre 15 miliardi di euro, di cui 40% da tagli di risorse trasferite e 60% da inasprimento del patto di stabilità”. Altro capitolo toccato da Delrio e' stata la spesa per gli investimenti “scesa tra il 2007 e il 2011 del 23% con un ammanco di risorse di quasi 3,6 miliardi di euro”, ha ricordato il presidente Anci.
 
Infine, rispondendo ad una domanda Delrio ha ribadito la necessità di rinviare al 2014 l’applicazione della Tares. “Senza un posticipo le conseguenze per i comuni saranno ancor più gravi. La previsione di luglio della nuova imposta sui rifiuti e' insostenibile - ha detto - perché chiede ai comuni di anticipare alle aziende di servizi soldi che non hanno. O viene cambiata o viene rinviata al 2014”.

ANCI Lombardia © 2020  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961