Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE EUROPA

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Accedi
NOTIZIE

INIZIATIVE

Risorse Comuni per il lavoro, Redaelli: Esperienze positive per la condivisione di buone pratiche

28 Novembre 2019

Nella Casa dei Comuni il seminario dedicato alle politiche attive del lavoro

“Anci Lombardia con grande piacere ospita, oggi, il seminario dedicato al lavoro e alle politiche attive del lavoro”. Così il Segretario Generale di Anci Lombardia Rinaldo Mario Redaelli ha aperto i lavori del seminario “Risorse Comuni per il lavoro organizzato da Umana, ospitato nella Casa dei Comuni. 

“Sono momenti come questo – ha sottolineato Redaelli che ci permettono la condivisione di buone pratiche da trasmettere anche ai nostri Sindaci, specie quelli più giovani che con grande entusiasmo si sono affacciati al mondo dei Comuni e dell'amministrazione e a quelli dei Piccoli Comuni. Ricordo infatti che il 65% dei comuni Lombardi sono piccoli Comuni cioè con meno di 5000 abitanti e che nell’ultima tornata elettorale, oltre mille Comuni sono andati al voto rinnovando gli organi. Il nostro obiettivo è quello di fornire a tutti i Sindaci gli strumenti necessari per gestire al meglio la macchina amministrativa”.

Perché i comuni non possono essere attivi nella ricerca del lavoro dei propri cittadini? È a questa domanda che Gianni Rossoni, Sindaco di Offanengo (Cr), e Presidente del Dipartimento Riforme Istituzionali, Riordino Territoriale, Autonomia Differenziata di Anci Lombardia, ha risposto con l’avvio nel suo Comune di uno sportello lavoro.

“Il Sindaco – ha spiegato Rossoni - continua ad essere il primo punto di riferimento per i cittadini e rappresentante delle istituzioni a cui rivolgersi in caso di disagi, anche lavorativi. Per rispondere in maniera appropriata a tali richieste e acquisire competenze sul tema ho pensato di creare lo sportello lavoro a cui si sono rivolte ben 507 persone, il 70% delle quali ha trovato una occupazione, il 30% a tempo indeterminato. Bisogna però sottolineare – ha aggiunto Rossoni – che l’80% di chi si è rivolto al nostro sportello aveva un livello di istruzione messo-basso. Da qui la necessità di lavorare sulle competenze di chi cerca lavoro, attraverso laboratori del che accogliessero e accompagnassero chi aveva l'esigenza di trovare lavoro. Un servizio che ritengo importante anche nella prospettiva della realizzazione del Reddito di cittadinanza che restituirà ai Comuni un ruolo sempre più centrale per esempio con la stesura dei PUC (Progetti Utili alla Comunità)”.

ANCI Lombardia © 2019  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961